Riccardo Malipiero

RICCARDO MALIPIERO (1914 – 2003) Nato nel 1914 a Milano, dove si diplomò in pianoforte al Conservatorio nel 1932 e seguì gli studi di composizione, compiendo un periodo di perfezionamento a Venezia con lo zio Gianfrancesco Malipiero. Conseguito il diploma di composizione a Torino del 1937, si dedicò inizialmente alla carriera pianistica, rivolgendosi in seguito alla composizione. Dopo una fase creativa influenzata dallo zio e da Casella, si è rivolto all’atonalismo nella linea di Dallapiccola e quindi alla dodecafonia, tra i primi in Italia. Organizzò nel maggio del 1949 il primo Congresso di Musica Dodecafonica, che ebbe un riconoscimento anche da parte di Arnold Schoenberg, cui parteciparono tra gli altri, Apostel, Cage, Dallapiccola, Hartmann, Leibowitz, Maderna, Togni, Vogel e molti altri; in occasione del congresso Malipiero difese strenuamente la libertà individuale dell’espressione, pur nell’uso d’una tecnica comune. Scrisse come critico musicale su “Il Popolo” dal 1945 al 1956, e sul “Corriere Lombardo” fino alla soppressione del quotidiano nel 1966. Nel 1963 visse in Argentina a Buenos Aires, dove tenne un corso di perfezionamento di composizione presso il centro Latino-Americano de Altos Estudios Musicales dell’Istituto Torcuato di Tella. Nel 1969 insegnò all’Università del Maryland negli USA. Nello stesso anno ha rappresentato l’Italia al VII Congresso dell’Unesco tenutosi a Mosca. Tenne conferenze negli Stati Uniti, in America Latina e in Europa. Nel 1977 gli è stata conferita la medaglia d’oro del Comune di Milano – massimo riconoscimento della Città ad una persona – per le sue benemerenze artistiche. Svolse funzioni direttive presso l’editrice musicale Suvini Zerboni, incarichi di direttore artistico e organizzativo del circolo milanese di Palazzo Durini, dedito in particolare alla musica contemporanea, e del Circolo Pirelli. Diresse il Liceo musicale di Varese dal 1969 al 1984. Tra le composizioni: 1942 Minnie la candida, opera teatr. 1945 Piccolo concerto 1949 Sinfonia 1956 Concerto breve, per ballerina e orchestra da camera 1957 La donna è mobile, opera buffa 1959 6 Poesie di D. Thomas, per soprano e 10 strumenti 1961 Concerto per Dimitri, per pf. Mosaico per doppio quintetto 1962 Nykteghersia 1966 Mirages “alla memoria di H.Scherchen” 1967 2 Pezzi sacri: De profundis e Gloria 1971 Concerto per vl., vcl. e pf. 1976 Winterquintett per cl. e archi 1979 3 Frammenti per vl. e pf. 1982 Liebersspiel per fl. e chitarra 1985 Diario secondo 1989 Loneliness, per S e orchestra 1990 Meridiana, per S e 17 strumenti 1991 Liederétudes, per S e pf. 1993 Dalla prigione un suono da P. Capriolo 1994 Viocequintet, per S e quartetto d’archi 1988 Mosaico secondo per violino solo – Brano d’obbligo del VII Concorso Internazionale di Violino “Premio Rodolfo Lipizer” di Gorizia (Editrice Musicale Suvini Zerboni – Milano) Biblioteca Musicale “Rodolfo Lipizer” – Gorizia – Italia Scheda a cura di Gianni Drascek
Gennaio 12th, 2007