Pieno successo per il pianista Cappello nel primo “Concerto della Sera” 2012-‘13.
Nonostante “Giove pluvio” non sia stato molto clemente, un folto pubblico ha calorosamente applaudito il pianista Roberto Cappello, nel concerto inaugurale della Stagione concertistica 2012 - 2013, siglata “Lipizer” in coorganizzazione con il Comune di Gorizia, tenutosi all’Auditorium di Gorizia, Venerdì 26 ottobre.
Con la sempre graditissima Sonata al “Chiaro di luna” di Beethoven ha preso il via la serata. Quest’opera, che alterna momenti lirici a brillantissimi passaggi (vedi il terzo Movimento), dedicata da Beethoven alla contessina Giulietta Guicciardi, è stata interpretata dal pianista con grande intensità, tocco prezioso e con altrettanta tecnica trascendentale. Nei sei Preludi di Debussy, omaggio all’autore nel 150° della nascita, il pianista ha evidenziato ad arte le diverse caratteristiche a seconda dei “titoli” dei brani, sottolineando il gusto estetico e le sfumature di colore, che avvicinano Debussy al romanticismo francese di Berlioz, coinvolgendo il pubblico.
Applausi a non finire per i tre brani tratti dagli Anni di Pellegrinaggio in Italia di Liszt, melodici i primi due: “Gondoliera” e “Canzone”, acrobatico il terzo: “Tarantella”.
Nella seconda parte – altrettanto affascinante – la completa Suite espagnola di Albeniz, in cui il pianista Roberto Cappello ha “sfoggiato” le sue bellissime doti artistiche e interpretative, alternando ritmi, colori, espressività e virtuosismo in un mix, che ha portato il pubblico a immaginare i luoghi virtualmente descritti in quest’opera.
Alle ripetute richieste di bis il concertista ha eseguito un coinvolgente “fuori programma”, ovvero il Lied n. 5, op. 42 di Schumann, nell’eleborazione di Liszt.
Un concerto indimenticabile ..... a detta del pubblico.    E. L.